giovedì 17 dicembre 2009

The Love Song of J. Alfred Prufrock

Let us go then, you and I,
When the evening is spread out against the sky
Like a patient etherised upon a table;
Let us go, through certain half-deserted streets,
The muttering retreats
Of restless nights in one-night cheap hotels
And sawdust restaurants with oyster-shells:
Streets that follow like a tedious argument
Of insidious intent
To lead you to an overwhelming question...
Oh, do not ask, "What is it?"Let us go and make our visit.

In the room the women come and go
Talking of Michelangelo.

The yellow fog that rubs its back upon the window-panes,
The yellow smoke that rubs its muzzle on the window-panes
Licked its tongue into the corners of the evening,
Lingered upon the pools that stand in drains,
Let fall upon its back the soot that falls from chimneys,
Slipped by the terrace, made a sudden leap,
And seeing that it was a soft October night,
Curled once about the house, and fell asleep.
And indeed there will be time

For the yellow smoke that slides along the street,
Rubbing its back upon the window-panes;
There will be time, there will be time
To prepare a face to meet the faces that you meet;
There will be time to murder and create,
And time for all the works and days of hands
That lift and drop a question on your plate;
Time for you and time for me,
And time yet for a hundred indecisions,
And for a hundred visions and revisions,
Before the taking of a toast and tea.

In the room the women come and go
Talking of Michelangelo.

And indeed there will be time
To wonder, "Do I dare?" and, "Do I dare?"
Time to turn back and descend the stair,
With a bald spot in the middle of my hair -(They will say: "How his hair is growing thin!")
My morning coat, my collar mounting firmly to the chin,
My necktie rich and modest, but asserted by a simple pin - (They will say: "But how his arms and legs are thin!")
Do I dare
Disturb the universe?
In a minute there is time
For decisions and revisions which a minute will reverse.
For I have known them all already, known them all -Have known the evenings, mornings, afternoons,

I have measured out my life with coffee spoons;
I know the voices dying with a dying fall
Beneath the music from a farther room.
So how should I presume?
And I have known the eyes already, known them all -The eyes that fix you in a formulated phrase,

And when I am formulated, sprawling on a pin,
When I am pinned and wriggling on the wall,
Then how should I begin
To spit out all the butt-ends of my days and ways?And how should I presume?
And I have known the arms already, known them all -Arms that are braceleted and white and bare

(But in the lamplight, downed with light brown hair!)
Is it perfume from a dress
That makes me so digress?Arms that lie along a table, or wrap about a shawl.
And should I then presume?And how should I begin?
Shall I say, I have gone at dusk through narrow streets

And watched the smoke that rises from the pipes
Of lonely men in shirt-sleeves, leaning out of windows?...
I should have been a pair of ragged claws

Scuttling across the floors of silent seas.
And the afternoon, the evening, sleeps so peacefully!Smoothed by long fingers,

Asleep ... tired ... or it malingers,
Stretched on the floor, here beside you and me.
Should I, after tea and cakes and ices,
Have the strength to force the moment to its crisis?
But though I have wept and fasted, wept and prayed,
Though I have seen my head (grown slightly bald) brought in upon a platter,
I am no prophet - and here's no great matter;
I have seen the moment of my greatness flicker,
And I have seen the eternal Footman hold my coat, and snicker,
And in short, I was afraid.
And would it have been worth it, after all,

After the cups, the marmalade, the tea,
Among the porcelain, among some talk of you and me,
Would it have been worth while,
To have bitten off the matter with a smile,
To have squeezed the universe into a ball
To roll it toward some overwhelming question,
To say: "I am Lazarus, come from the dead,Come back to tell you all, I shall tell you all" -If one, settling a pillow by her head,
Should say: "That is not what I meant at all.
"That is not it, at all.
And would it have been worth it, after all,

Would it have been worth while,
After the sunsets and the dooryards and the sprinkled streets,
After the novels, after the teacups, after the skirts that trail along the floor - And this, and so much more? -It is impossible to say just what I mean!
But as if a magic lantern threw the nerves in patterns on a screen:
Would it have been worth while
If one, settling a pillow or throwing off a shawl,
And turning toward the window, should say:
"That is not it at all,
That is not what I meant, at all."
No! I am not Prince Hamlet, nor was meant to be;

Am an attendant lord, one that will do
To swell a progress, start a scene or two,
Advise the prince; no doubt, an easy tool,
Deferential, glad to be of use,
Politic, cautious, and meticulous;
Full of high sentence, but a bit obtuse;
At times, indeed, almost ridiculous -Almost, at times, the Fool.
I grow old ... I grow old...I shall wear the bottoms of my trousers rolled.
Shall I part my hair behind? Do I dare to eat a peach?

I shall wear white flannel trousers, and walk upon the beach.
I have heard the mermaids singing, each to each.
I do not think that they will sing to me.
I have seen them riding seaward on the waves

Combing the white hair of the waves blown back
When the wind blows the water white and black.
We have lingered in the chambers of the sea

By sea-girls wreathed with seaweed red and brown
Till human voices wake us, and we drown.

T.S. Eliot

venerdì 27 novembre 2009

Triage. La colpa di sopravvivere.



Il triage (termine francese che indica cernita - smistamento) è un sistema utilizzato per selezionare i soggetti coinvolti in infortuni, gravi o leggeri che siano, secondo classi di urgenza/emergenza crescenti, in base alla gravità delle lesioni riportate o del loro quadro clinico. (da Wikipedia)


Film
Ieri sera, al Festival di Fantascienza che in questi giorni colonizza la multisala triestina, dopo la premiazione di Christopher Lee (presente fisicamente in sala) con l'Urania alla carriera, è stato proiettato Triage, film di Danis Tanovic, con Colin Farrell, Christopher Lee e il bravissimo Branko Djuric, nella parte del Dr. Talzani. E' la storia di Mark, fotografo di guerra, impegnato con l'amico David - che sta per diventare padre - in un reportage in Kurdistan. Mark e David visitano un campo medico di fortuna gestito dal Dr. Talzani che, prestando soccorso senza mezzi adeguati, dopo aver effettuato il triage sui feriti che gli vengono portati, è costretto - per limitare le loro sofferenze - a piantare una pallottola in testa ai "cartellini blu", cioè a coloro che sono troppo gravi per cavarsela. Lo spettacolo, fedelmente registrato dalle macchine fotografiche, è tremendo, tanto che David decide di non continuare la missione e tornare a casa. Mark, invece, vorrebbe fermarsi per documentare l'offensiva annunciata da lì a due giorni. Inizialmente David si lascia convincere, ma dopo un conflitto a fuoco, prende la strada del ritorno.
Uno solo dei due amici riuscirà a ritornare a casa e per il superstite inizierà il calvario del senso di colpa.
Da vedere.

giovedì 26 novembre 2009

Trst je naš!

Alla prima di “Trst je naš!”

L’articolo è di Margherita Gianessi

"Il corto sloveno “Trst je naš!” del regista laureando Žiga Virc si è rivelato essere una spassosa presa in giro della nostalgia di un padre sloveno per il maresciallo Tito e i tempi della resistenza partigiana. Il sedicente comandante Franz (interpretato da Gojmir Lešnjak) tormenta moglie e figlia con le sue rievocazioni storiche della guerra dei partigiani titini contro i tedeschi nel tentativo di “liberare” Trieste. Il suo più prezioso amuleto è una “titovka”, il berrettino partigiano con la stella rossa regalatogli dal padre. La sua devozione è tutta rivolta ad un busto di Tito che venera con ceri accesi. Il suo disco preferito è la registrazione di un celebre discorso di Tito dove incita i suoi alla volta di Trieste: Trst je naš!. La moglie di Franz assiste paziente ma contrariata alle stranezze del marito. La figlia Mateja, che non conosce neanche una canzone partigiana, tollera con sufficienza le nostalgie ossessive del padre. Finché, tra i prati e i cavalli della campagna slovena, qualcosa scatta. Mentre il padre è sorpreso dalla polizia durante i suoi giochi di guerra e rischia guai seri, la figlia galoppando accorre a salvarlo: nelle sua mani sventola la bandiera Jugoslava. Trieste è liberata solo simbolicamente, ma Franz può dirsi orgoglioso di aver trasmesso alla figlia la coscienza del loro passato.

Dimentichiamo per un momento le polemiche che hanno imperversato intorno alla realizzazione di questo film e cerchiamo anche di fare un discorso disgiunto dalle tragiche vicende che hanno segnato la questione di Trieste alla fine e dopo la seconda guerra mondiale. Cerchiamo piuttosto di capire quello che un film comunica della cultura di cui è portatore, in questo caso della cultura slovena. A primo impatto si intuisce che la percezione storica della Slovenia su questi fatti è molto diversa da quella italiana. Se da parte italiana le rivendicazioni jugoslave su Trieste sono un tentativo di conquista, dall’altra parte la retorica jugoslava incitava alla liberazione di Trieste dai tedeschi. Certo, aggiungendo “Trst je naš”, “Trieste è nostra”. Ma ricordiamo che se un fatto storico è oggettivo, la sua interpretazione e la sua percezione sono molto soggettivi. Quello che noi studiamo come l’armistizio dell’8 settembre, in lingua tedesca viene significativamente definito Kapitulation (resa). Il film, da parte sua, sembra piuttosto comunicare, attraverso la sua caricatura, una coscienza storica che la Slovenia deve condividere con la ex-Jugoslavia.
Tornando invece all’accesa polemica che ha scatenato “Trst je naš”, il film è stato accusato dall’Unione degli Istriani di “istigazione all’odio razziale” e di essere una “complessa operazione di recupero dell’”epopea titina”. In realtà nel film si vedono degli Sloveni nostalgici inscenare una finta guerra di liberazione contro i Tedeschi, e nessuna azione contro gli Italiani.
Neanche durante la proiezione della prima si è assistito a rimostranze anti-italiane da parte del pubblico, e nemmeno ad incitamenti filo titini o nostalgici di quel periodo. Certo può rimanere il dubbio che una certa strumentalizzazione politica del film si sia fatta. I finanziamenti statali, la decisione della Rtv di diffonderlo, la scelta della prima proiezione a Sesana al confine con Trieste, il titolo provocatorio e che nulla lascia intendere sul contenuto ironico del film fanno un po’ insospettire. Sarebbe stato però più opportuno un atteggiamento cauto da parte italiana nei confronti di un film prima della sua visione, e la dichiarazione di Frattini non ha fatto altro che alimentare il tamtam mediatico. Se un intento provocatorio da parte slovena c’era davvero, un po’ più di riserbo italiano avrebbe contribuito a smorzarne la portata."


Venerdì vado a vederlo (o almeno ci provo) a Scuola Interpreti. Penso che sia un dovere civile. Contro le strumentalizzazioni politiche e chi fomenta gli odi tra etnie diverse. Ancora in questa città, dopo 60 anni.

martedì 24 novembre 2009

Ultima Sigaretta

"Adesso che son qui, ad analizzarmi, sono colto da un dubbio: che io forse abbia amato tanto la sigaretta per poter riversare su di essa la colpa della mia incapacità? Chissà se cessando di fumare io sarei divenuto l'uomo ideale e forte che m'aspettavo? Forse fu tale dubbio che mi legò al mio vizio perché è un modo comodo di vivere quello di credersi grande di una grandezza latente. Io avanzo tale ipotesi per spiegare la mia debolezza giovanile, ma senza una decisa convinzione. Adesso che sono vecchio e che nessuno esige qualche cosa da me, passo tuttavia da sigaretta a proposito, e da proposito a sigaretta. Che cosa significano oggi quei propositi? Come quell'igienista vecchio, descritto dal Goldoni, vorrei morire sano dopo di esser vissuto malato tutta la vita?"
(Italo Svevo, La coscienza di Zeno)

Ho smesso di fumare più di un anno fa, ormai. Quando abbandoni una dipendenza una parte di te cerca di rimpiazzarla subito con un'altra (e ci riesce, perchè possiamo essere dipendenti da qualunque cosa). C'è però un'altra parte di te che non riesci più a riaddormentare e che ti pizzica ogni volta che ti racconti balle. Insomma, quello che cambia davvero è che non spendi più tanti soldi per fare qualcosa che il mondo intero (e tu per primo) considera sbagliato. Per il resto, rimani lo stesso coglione di sempre.

giovedì 19 novembre 2009

Simiglianza...



Ugo Foscolo / Jim Morrison



(...) Il pudor mi fa vile e prode l'ira:

Cauta in me parla la ragion; ma il core

Ricco di vizi e di virtù, delira

Morte, tu mi darai fama e riposo.


Ugo Foscolo, Sonetti, 1801-1802

lunedì 16 novembre 2009

Il giovane sole



Sandro Botticelli, Magnificat

Breve fu il sogno -
già ritorno ai miei panni severi.
Oh!una nube ti porta via!

Muovendomi
a passo di tua danza
ora candida cerva
ora stella diana
ora ellera selvaggia
ora soffio del vento

t'inseguo
per valli e rivi
di selva in selva
per campi e clivi
di poggio in poggio

Come lume riflesso
(di luna il volto)
miro il tuo galoppo infinito
o mio giovane sole


Una pioggia citrina anima strati d'oro
nella zolla stanca
evoca nuove fioriture -

il citiso sanguigno
la digitalis loevigata
il dondolino
la vescicaria
il caprifoglio etrusco
la fragola vellutina
il cardo del prato
la primula gialla
il ranuncolo
la scorzonera barbuta
il dente di leone
la ginestra odorosa

Perchè dal fango nasce l'oro?

Vlada Acquavita, Herbarium mysticum Clausole medievali (2007)

domenica 15 novembre 2009

The Addiction o della dipendenza dal Male


The Addiction, Abel Ferrara (1995)
Il fenomeno del vampirismo - per la sua natura ambigua e sospesa tra due modi dell'essere (vita e morte) - diventa un punto d'osservazione privilegiato. Dalla terra di nessuno, dei non-morti (o non-vivi...) il panorama si apre su un abisso. L'abisso della non esistenza che è sempre davanti al nostro ego e che l'uomo crede di poter affrontare solo narcotizzandosi, sviluppando una dipendenza.
L'irruzione del Male nella vita dell'uomo produce uno strano effetto: porta sì alla morte, ma è anche un'occasione per conoscere la propria natura. Ed è una natura irrimediabilmente malvagia, stigmatizzata dal bisogno.
Prima di affondare i denti e propagare il contagio della coscienza oscura di ciò che si è nel mondo della paura e del bisogno, il vampiro chiede alla sua vittima di cacciarlo, di mandarlo via "ma volendolo veramente".
Nessuno ci riesce. L'unico che lo fa è un prete che non esercita la forza di volontà, ma la volontà stessa, quella "filosofica", quella di colui che è un tutt'uno con se stesso e con l'Essere.
Girato in bianco e nero. La protagonista è stupenda. Da vedere...

venerdì 6 novembre 2009

Bentornato dottor Faust


L'Immaginario del Dottor Parnassus di Terry Gilliam
Visto ieri sera. Sono d'accordo parola per parola con la recensione di Maurizio Porro sul Corriere della Sera:
"Fiera delle meraviglie, sogno-incubo, il primo comandamento del cinema di Terry Gilliam, un fratello Grimm sul set, il più verace sofferto visionario, con Tim Burton, del cinema di oggi. In questa versione del Faust col mago dei prodigi che baratta l' eterna giovinezza con la figlia, la parola non riesce a stare al passo con un eccesso di sconfinata fantasia. La malinconia della morte di Heath Ledger aleggia, ma tre affettuose controfigure (Farrell, Law e Johnny Depp) mimano l' eternità additando i veri immortali, i divi. " (di Maurizio Porro, Il Corriere della Sera, 23 ottobre 2009)
La cosa che non ho capito è se alla fine Parnassus perde definitivamente la sua anima (Valentina) oppure no...

mercoledì 4 novembre 2009

lunedì 2 novembre 2009

Corpo, ludibrio grigio con le tue scarlatte voglie...





Corpo, ludibrio grigio con le tue scarlatte voglie,
fino a quando mi imprigionerai?
anima circonflessa,
circonfusa e incapace,
anima circoncisa,
che fai distesa nel corpo?

Alda Merini


A casa non ho TV e ancora per 10 giorni nemmeno Internet. L'ho saputo stamattina che ieri 1 novembre 2009 è morta Alda Merini. Ecco perchè la notte appena trascorsa è stata così difficile da dormire. Nella mia testa un ossessivo ripetersi di tre versi da Christabel di Coleridge:


There she sees a damsel bright,
Dressed in a silken robe of white,
That shadowy in the moonlight shone...


Bella signora folle, grazie per i tuoi versi. E che se ne vadano affanculo tutti quelli che ora ti celebrano ma che in fondo non sanno proprio cosa farsene dei poeti.

martedì 27 ottobre 2009

Maestro Nolano perchè sei così lontano?



FF.BB
...alternanza o ripetizione?



Ombra profonda siamo;
non tormentateci, o inetti.
Non voi richiede un'opera così seria, ma i dotti.
(Giordano Bruno, De umbris Idearum)


Quanto più depresso,
quanto è più l’uom di questa ruota al fondo,
tanto a quel punto più si trova appresso
che da salir si de’ girar il tondo:
alcun sul ceppo quasi il capo ha messo,
che l’altro giorno ha dato legge al mondo.

(Giordano Bruno, Spaccio de la bestia trionfante)

giovedì 22 ottobre 2009

La belle dame sans merci



John William Waterhouse, La belle dame sans merci



Che cosa ti tormenta, armato cavaliere
che indugi solo e pallido?
Di già appassite son le cipree del lago
e non cantan gli uccelli.

Che cosa ti tormenta, armato cavaliere,
cotanto affranto e così desolato,
riempito è già il granaio dello scoiattolo,
pronto è il raccolto.

Vedo sul tuo cimiero un bianco giglio,
umida angoscia, e del pianto la febbre
sulle tue gote, ove il color di rosa è scolorito
troppo rapidamente.

Una signora in quei prati incontrai,
lei, tutta la bellezza di figlia delle fate aveva,
chiome assai lunghe, e leggeri i suoi piedi,
ma selvaggi i suoi occhi.

Io feci una ghirlanda pel suo capo,
e pur bracciali, e odorosa cintura;
lei mi guardò com' avria fatto amore,
dolcemente gemette.

Io mi stetti con lei, sul mio cavallo
al passo, e nessun altro vidi in tutto il giorno;
seduta di traverso modulava
un canto delle fate.

Lei procurò per me grate radici,
vergine miele e rugiadosa manna,
e in linguaggio straniero poi mi disse:
- Io t'amo veramente.

Nella grotta degli elfi mi condusse,
e lì lei pianse, e sospirò in tristezza,
ma i suoi barbari occhi io tenni chiusi,
con quattro baci.

Ivi lei mi cullò, sino a dormire,
e lì sognai: sia maledetto l'ultimo sogno
fantasticato lì sul declivio
del freddo colle.

Vidi principi e re, pallidamente,
scialbi guerrieri smunti, color morte erano tutti
e gridavano a me: - La bella dama che non ha
compassione, t'ha reso schiavo!

Le lor livide labbra scorsi nella penombra,
che m'avvertivano: - L'ampia voragine orrendamente
s'apre! - Allora mi svegliai, e mi scopersi qui,
sopra il declivio del freddo colle.

Questo è accaduto perché qui rimasi
solo, senza uno scopo ad attardarmi,
pur se appassite fosser le cipree
e gli uccelli del lago non cantassero.

(John Keats, La belle dame sans merci)

giovedì 15 ottobre 2009

Anticlericalismo vampirico









L'individuo.
Entrambi se ne fanno almeno un "calice" al giorno...

Il gruppo.
Non si sa - nel corso dei secoli - chi se ne sia macchiato in misura maggiore...

L'azione.
...Ruini, da come ti guarda il collo, non starei tanto tranquillo...

mercoledì 14 ottobre 2009

Berenice

(...) io sedevo (e sedevo solo, così almeno credevo) in un angolo remoto della biblioteca, allorchè alzando gli occhi mi accorsi che Berenice mi stava di fronte. Era frutto della mia immaginazione eccitata, o della influenza nebbiosa dell'atmosfera,o del crepuscolo incerto della stanza, o erano forse i grigi panneggi che cadevano in pieghe attorno alla sua figura, che provocavano in questa un aspetto così vacillante e vago? Non saprei dire. Ella non proferiva parola, e io... neppure con uno sforzo sovrumano sarei riuscito a pronunciare una sola sillaba. Un brivido di ghiaccio mi corse per le ossa; mi sentii oppresso da una sensazione d'insopportabile angoscia; una curiosità divorante mi pervase l'anima, e ricadendo all'indietro sulla sedia rimasi per qualche tempo immobile e senza fiato,gli occhi fissi sulla sua persona.
Ahimè! La sua emaciatezza era estrema, e in tutto il suo aspetto non vi era più neppure una lontana traccia dell'antica creatura. Alla fine il mio sguardo bruciante si posò sul suo viso. La fronte era alta, pallidissima, stranamente serena; e i capelli un tempo color del giaietto ricadevano parzialmente su di essa adombrando le tempie cave d'innumerevoli riccioli ora di un giallo vivo e sgradevolmente discordanti nel loro fantastico aspetto con la malinconia predominante nelle sembianze di lei. Gli occhi erano senza vita, opachi,apparentemente privi di pupille, e io mi ritrassi involontariamente dalla loro vitrea fissità per contemplare le labbra sottili, affilate. Queste si aprirono, e in un sorriso di particolare significato i denti della mutata Berenice si dischiusero lentamente ai miei occhi. Volesse il cielo che io mai li avessi veduti, o che dopo quell'attimo in cui io li vidi fossi morto!
Il rinchiudersi di una porta mi disturbò, e allorchè alzai lo sguardo mi accorsi che mia cugina era uscita dalla stanza. Ma dai recessi del mio cervello alterato non era, ahimè, uscito, nè mai ne sarebbe stato scacciato, il bianco, terrificante spectrum dei denti. Non una macchiolina sulla loro superficie, non un'ombra sul loro smalto, non un'intaccatura nei loro orli; ma che cosa quell'attimo del suo sorriso non era bastato a imprimere nella mia memoria! Io ora li vedevo con minore possibilità di equivoco di quanto li avevo veduti allora. I denti! I denti! Essi erano qui, e lì, e dovunque, e visibili e palpabili dinanzi a me; lunghi, stretti, innaturalmente bianchi, con le pallide labbra arricciantisi su di essi, come nel momento stesso del loro primo spaventoso sviluppo.


da Berenice, Edgar A. Poe

lunedì 12 ottobre 2009

Lasciami entrare...


... che più o meno è quello che ogni sentimento, sia esso amore, rabbia, paura o quant'altro, chiede prima di impossessarsi di noi. Che significa che la "possessione" è sempre e comunque una scelta e quindi è il posseduto (dall'amore, dalla rabbia, dalla paura, ecc.) che "apre la porta" ad un altro se stesso e lo lascia entrare, gli dà il permesso di uccidere - spesso - il vecchio sè, di succhiargli il sangue per vivere.

Eli ha 12 anni ed è come Oskar, ma ha 12 anni "... da molto tempo". Eli è un angelo oscuro, quasi asessuata (un ermafrodito tanto tempo prima?), non sente freddo ma è più viva di tutte le tristi figure che abitano la notte svedese dei sobborghi. Oskar sembra un angelo, con il caschetto biondo e gli occhi azzurri, ma cova rabbia e rancore verso i propri aguzzini, verso un padre assente e alcoolizzato che non sa (per fortuna) spiegargli le differenze tra uomini e donne.

In questa storia fantastica, per il bene di tutti, davvero, l'unica strada è lasciar entrare l'amore...




lunedì 5 ottobre 2009

martedì 29 settembre 2009

lunedì 28 settembre 2009

Giacobbo vice di RAI 2... ma non solo


Il nostro Paese alle soglie dell'Apocalisse. Quoto da Carmillaonline:

Grandi novità alla Rai. La soluzione del caso Annozero è stata affidata a Roberto Giacobbo. Il conduttore di Voyager, appena nominato vicedirettore di RaiDue, assumerà la guida anche dell'ex programma di Santoro, che cambierà quindi il titolo in Annozerododici.Accantonati gli argomenti faziosi, volgari e disfattisti trattati finora, la trasmissione si focalizzerà infatti sugli autentici problemi del paese, a cominciare dalla profezia Maya sulla fine del mondo prevista per il 2012, e dalle inquietanti tracce di DNA alieno presenti nel virus dell'influenza A1!AGH!!!1!!1!
Gli editoriali di Marco Travaglio saranno sostituiti dalle quartine di Nostradamus, lette dal coetaneo Giorgio Albertazzi. Tra di esse anche alcune inedite, appena scoperte e decifrate, che annunciano l'avvento d'un provvidenziale Cavaliere della Cuccagna giunto per contrastare quelli dell'Apocalisse, un nuovo Re Magio portatore d'Oro, Incenso, e Figa.Sandro Ruotolo sarà inviato a Giza, e murato vivo nella camera funeraria della piramide di Cheope, per svolgere un reportage investigativo sulle inquietanti tracce di DNA alieno presenti negli scarabei stercorari lì mummificati.Vauro sarà sbranato dal Chupacabra.I collegamenti con le assemblee di cittadini e lavoratori in lotta saranno rimpiazzati da quelli con l'aldilà: primi ospiti gli annegati del Titanic, che discuteranno le inquietanti tracce di DNA alieno presenti nelle cozze mutanti che furono le autentiche responsabili dell'affondamento.Non mancheranno le interviste esclusive: nella prima puntata il Presidente del Consiglio illustrerà il miracoloso potere dell'ubiquità che gli consente di essere sempre contemporaneamente presente su tre reti pubbliche e quattro private.La settimana dopo sarà la volta del ministro Brunetta, che svelerà i particolari del sinistro complotto ordito dai Templari ai danni del governo, una minaccia da lui recentemente scoperta, denunciata, e morammazzata.Infine, nel dibattito in studio sarà finalmente ripristinata la par condicio solitamente calpestata da Santoro: per il PDL sarà presente Gianfranco Fini, per l'opposizione sarà presente Gianfranco Fini, e in qualità di figura istituzionale super partes sarà presente il Presidente della Camera Gianfranco Fini. Insieme discuteranno delle inquietanti tracce di DNA alieno presenti nei comunisti.Una criptica vignetta di Forattini ritrovata incisa su un monolito di Stonehenge, e raffigurante Bersani in guêpière, chiuderà la serata.


di Alessandra Daniele

lunedì 14 settembre 2009

Bad Lieutenant - da Ferrara a Herzog; da New York a New Orleans

"Il cattivo tenente" (1992) "Il cattivo tenente" (2009)



Ieri sera ho visto "Il cattivo tenente" di Herzog, con Nicholas Cage. Mi sono divertita, soprattutto perchè NON è un remake dell'omonimo film di Abel Ferrara, quello con Harvey Keitel. Film, quello, che mi era piaciuto un sacco e che avevo visto per caso in TV alle 3 della mattina tanti anni fa (il film è del 1992). "Il cattivo tenente" di Herzog è proprio un altro paio di maniche. Siamo nella New Orleans post-Katrina, città devastata fisicamente e moralmente, proprio come il protagonista, il cattivo tenente. Cage non è luciferino come Keitel ma completamente umano. Se il tenente di Keitel era l'abbandonato da dio che sprofonda nell'abisso di dolore dell'odio e della solitudine, quello di Cage è uno strafatto figlio di puttana che incarna l'ingiustizia del nostro mondo ma anche la sua ampia riserva di speranza. Un mondo nel quale vince chi racconta balle (per ben due volte il nostro sale di grado e fa la figura dell'eroe) e chi fotte il prossimo (e non solo in senso metaforico). Ma anche un mondo nel quale restano piccole isole d'amore, così che il cattivo tenente di Herzog è anche l'uomo amato da dio proprio perchè debole, il figliol prodigo, colui per il quale si uccide il vitello grasso.
Simpatiche le scene di allucinazione psichedelica e l'idea finale che valga davvero la regola "una vita per una vita"...






venerdì 7 agosto 2009

La gabbia

...È rassicurante sapere che c’è qualcuno che mi conosce così bene da aver già capito tutto. È rassicurante sapere che anche per me è già pronta una voce nel dizionario dei disturbi psichici. È rassicurante sapere che ora mi verrà spiegato come sto, quale è il mio problema (perché si-cu-ra-men-te ho un problema), come posso risolverlo, chi era mia madre, chi era mio padre, chi sarà mia figlio, quale è il mio rapporto con gli uomini, che probabilmente sono una lesbica repressa (repressa!??), che dovrei incominciare a mangiare più frutta e verdura perché è testato che se non voglio crepare di cancro la dieta mediterranea è la miglior prevenzione, che drogarsi è un modo per sfuggire alle responsabilità – ahahahaha... mi viene da ridere, poco fa pensavo proprio a questo: io non voglio più fuggire, ma la droga, il sesso, la frutta non c’entrano un cazzo. La gabbia non esiste se non ci credo…

giovedì 6 agosto 2009

Birdland

His father died and left him a little farm in New England.
All the long black funeral cars left the scene
And the boy was just standing there alone
Looking at the shiny red tractor
Him and his daddy used to sit inside
And circle the blue fields and grease the night.
It was if someone had spread butter on all the fine points of the stars
'Cause when he looked up they started to slip.
Then he put his head in the crux of his arm
And he started to drift, drift to the belly of a ship,
Let the ship slide open, and he went inside of it
And saw his daddy 'hind the control board streamin' beads of light, He saw his daddy 'hind the control board, And he was very different tonight
'Cause he was not human, he was not human.
And then the little boy's face lit up with such naked joy

That the sun burned around his lids and his eyes were like two suns,
White lids, white opals, seeing everything just a little bit too clearly
And he looked around and there was no black ship in sight,
No black funeral cars, nothing except for him the raven
And fell on his knees and looked up and cried out,
“No, daddy, don't leave me here alone,
Take me up, daddy, to the belly of your ship,
Let the ship slide open and I'll go inside of it
Where you're not human, you are not human.”
But nobody heard the boy's cry of alarm.

Nobody there 'cept for the birds around the New England farm
And they gathered in all directions, like roses they scattered
And they were like compass grass coming together into the head of a shaman bouquet
Slit in his nose and all the others went shooting
And he saw the lights of traffic beckoning like the hands of
Blake Grabbing at his cheeks, taking out his neck,
All his limbs, everything was twisted and he said,
“I won't give up, won't give up, don't let me give up, I won't give up, come here, let me go up fast, Take me up quick, take me up, up to the belly of a ship
And the ship slides open and I go inside of it where I am not human.”
I am helium raven and this movie is mine,

So he cried out as he stretched the sky,
Pushing it all out like latex cartoon, am I all alone in this generation ?
We'll just be dreaming of animation night and day
And won't let up, won't let up and I see them coming in,
Oh, I couldn't hear them before, but I hear 'em now, It's a radar scope in all silver and all platinum lights
Moving in like black ships, they were moving in, streams of them,
And he put up his hands and he said,
“It's me, it's me, I'll give you my eyes, take me up, oh now please take me up, I'm helium raven waitin' for you, please take me up,
Don't let me here,” the son, the sign, the cross,
Like the shape of a tortured woman, the true shape of a tortured woman,
The mother standing in the doorway letting her sons
No longer presidents but prophets
They're all dreaming they're gonna bear the prophet,
He's gonna run through the fields dreaming in animation It's all gonna split his skull It's gonna come out like a black bouquet shining
Like a fist that's gonna shoot them up Like light, like Mohammed Boxer
Take them up up up up up up Oh, let's go up, up, take me up, I'll go up, I'm going up, I'm going up
Take me up, I'm going up, I'll go up there
Go up go up go up go up up up up up up up
Up, up to the belly of a ship.
Let the ship slide open and we'll go inside of it
Where we are not human, we're not human.
Well, there was sand, there were tiles,

The sun had melted the sand and it coagulated
Like a river of glass
When it hardened he looked at the surface
He saw his face
And where there were eyes were just two white opals, two white opals,
Where there were eyes there were just two white opals
And he looked up and the rays shot
And he saw raven comin' in
And he crawled on his back and he went up
Up up up up up up
Sha da do wop, da shaman do way, sha da do wop, da shaman do way,
Sha da do wop, da shaman do way, sha da do wop, da shaman do way,
Sha da do wop, da shaman do way, We like birdland.

Patti Smith, Horses, 1975

mercoledì 5 agosto 2009

Dancing barefoot

she is benediction
she is addicted to thee
she is the root connection
she is connecting with he
here I go and I don't know why

I fell so ceaselessly
could it be he's taking over me...
I'm dancing barefoot

heading for a spin
some strange music draws me in
makes me come on like some heroin/e
she is sublimation

she is the essence of thee
she is concentrating on he,
who is chosen by she
here I go and I don't know why

I spin so ceaselessly,
could it be he's taking over me...
[chorus]
she is re-creation she, intoxicated by thee

she has the slow sensation that he is levitating with she ...
here I go and I don't know why,

I spin so ceaselessly,
'til I lose my sense of gravity...
[chorus]
(oh god I fell for you ...)
the plot of our life sweats in the dark like a face

the mystery of childbirth, of childhood itself
grave visitations
what is it that calls to us?
why must we pray screaming?
why must not death be redefined?
we shut our eyes we stretch out our arms
and whirl on a pane of glass
an afixiation a fix on anything the line of life the limb of a tree
the hands of he and the promise that s/he is blessed among women.
(oh god I fell for you ...)


Patti Smith, Wave, 1979

mercoledì 29 luglio 2009

The Back of a Spoon

Qualche tempo fa, di ritorno da San Francisco, avevo tradotto alcune poesie di Jack Hirschman, raccolte in un libretto intitolato The Back of a Spoon. Ve le potete leggere anche su www.fucine.com. Ma intanto, eccone qui un paio:

Graffiti
Spraypainted on
the wall of City Lights Bookstore
in jack Kerouac Alley:

OUR FEAR IS THE FOUNDATION OF THEIR FORTUNE

Graffiti
Dipinto con lo spray
sul muro della libreria City Lights
in vicolo Jack Kerouac:


LA NOSTRA PAURA E' LA BASE DEL LORO SUCCESSO




Streetscene
She was on her knees
in a Tenderloin doorway
eating chunks of darkness
out of a small tin can.

As I passed, a photograph
of a Haitian man crawling
on a Port-au-Prince sidewalk
30 years ago came to mind.

There was no difference.

I'd like to hold the nape
of capital down to a plate
of dogfood on a street
with the mange.

I'd like to see capital
with lacerated knees crawling
from one reality to another
for a change.



Scena di strada
Lei era in ginocchio
nel vano di una porta del Tenderloin
mangiando grossi pezzi di tenebra
da una scatoletta di latta.

Mentre passavo, mi tornò in mente
la fotografia di un haitiano che

strisciava su un marciapiedi
di Port-au-Prince, 30 anni fa.

Non c'era differenza.

Mi piacerebbe tenere la testa
del capitalismo giù, in un piatto
di cibo per cani, in una strada
rognosa.

Mi piacerebbe vedere il capitalismo
strisciare con le ginocchia lacerate
da una realtà all'altra
per una moneta.

Modelli

E' stato un tempo il mondo giovane e forte,
odorante di sangue fertile,
rigoglioso di lotte, moltitudini,
splendeva pretendeva molto...
Famiglie donne incinte, sfregamenti,
facce gambe pance braccia...

Dimora della carne,
riserva di calore,
sapore e familiare odore...
E' cavità di donna che crea il mondo,
veglia sul tempo lo protegge...
Contiene membro d'uomo che s'alza e spinge,
insoddisfatto poi distrugge...

Il nostro mondo è adesso debole e vecchio,
puzza il sangue versato è infetto...

E' stato un tempo il mondo giovane e forte,
odorante di sangue fertile...
Dimora della carne, riserva di calore,
sapore e familiare odore...
Il nostro mondo è adesso debole e vecchio,
puzza il sangue versato è infetto...

Povertà magnanima, mala ventura,
concedi compassione ai figli tuoi...
Glorifichi la vita, e gloria sia,
glorifichi la vita e gloria è...

E' stato un tempo il mondo giovane e forte,
odorante di sangue fertile...
Famiglie donne incinte, sfregamenti,
facce gambe pance braccia...

(CSI - Del mondo)

BIANCONIGLIO

BIANCONIGLIO

Incontrato per caso.

venerdì 24 luglio 2009

Gli spari sopra

Se siete "quelli comodi" che "state bene voi"...
Se altri vivono per niente perché i "furbi" siete voi....
vedrai che questo posto, questo posto... IS BEAUTIFUL!!!!!!!
SE siete "Ipocriti Abili"....
non siete mai colpevoli
SE non state mai coi deboli, e avete buoni stomaci....
SORRIDETE! ........gli spari sopra....SONO PER NOI !
SORRIDETE!.........gli spari sopra....SONO PER NOI !
(ed) È sempre stato facile fare delle Ingiustizie ! Prendere, Manipolare, Fare credere!........
ma adesso
State più attenti! Perché ogni cosa è scritta!
E se si girano gli eserciti e spariscono gli Eroi
Se la guerra (poi adesso) cominciamo a farla noi
NON SORRIDETE........GLI SPARI SOPRA.......SONO PER VOI !
NON SORRIDETE........GLI SPARI SOPRA.......SONO PER VOI !!!!!!
VOI abili a tenere sempre un piede qua e uno là
AVRETE un avvenire certo in questo mondo qua però la DIGNITÀ!!!!! Dove l'avete PERSA!
E SE per sopravvivere.....qualunque porcheria
Lasciate che succeda...e dite "non è colpa mia".....
SORRIDETE.........GLI SPARI SOPRA........SONO PER NOI!
SORRIDETE.........GLI SPARI SOPRA........SONO PER NOI!
SORRIDETE.........GLI SPARI SOPRA........SONO PER NOI!

domenica 5 luglio 2009

Tendresse del Visir Nero

Io non faccio sciocchezze, faccio missioni.
Ciao! Ci vediamo alla fine del mondo.


Sapevi che qui il gioco non era tanto morbido
Sapevi che mi piace scavare un po’ nel torbido
E sei tornata a prenderti la parte che ti spetta
Ti sbrani la mia anima e te ne vai di fretta
Ma poi chi se ne frega, mia piccola Tendresse
Sono soltanto un cane che lotta in un’arena
Sono feroce e pazzo, legato alla catena

Sapevi che qui il gioco non era tanto morbido
Sapevi che mi piace scavare un po’ nel torbido

È lui che te lo ha chiesto? Dimmi la verità!
Lui, quello che ti ama, che mai ti lascerà
Ti ha già messo un collare con sopra inciso il nome
Ti insegnerà a ringhiare perché è lui il padrone
Ma poi chi se ne frega, mia piccola Tendresse
Sei tu quella che sceglie e io non voglio stress

Sapevi che qui il gioco non era tanto morbido
Sapevi che mi piace scavare un po’ nel torbido

Io vivo nell’arena - non so cos’altro fare
A volte sono stanco di mordere e abbaiare
E dietro queste sbarre mi lecco le ferite
Sono soltanto un cane… ma sento cosa dite.

Sapevi che qui il gioco non era tanto morbido
Sapevi che mi piace scavare un po’ nel torbido

Adesso me ne vado, mia piccola Tendresse
Sei tu quella che sceglie e io non voglio stress

domenica 7 giugno 2009

Dissolved girl

Shame, such a shame
I think I kind of lost myself again
Day, yesterday
Really should be leaving but I stay
Say, say my name I need a little love to ease the pain I

need a little love to ease the pain
It's easy to remember when it came
'Cause it feels like I've been

I've been here before
You are not my savior But I still don't go
Feels like something

That I've done before I could fake it
But I still want more
Fade, made to fade

Passion's overrated anyway
Say, say my name
I need a little love to ease the pain
I need a little love to ease the pain
It's easy to remember when it came
'Cause it feels like

I've been I've been here before
You are not my savior
But I still don't go, oh
I feel live something

That I've done before
I could fake it
But I still want more, oh

(Massive Attack)

domenica 17 maggio 2009

Acque mobili

Ti guardavo giocare nell’acqua
di un caldo pomeriggio cubano.
Lei vicino a me
e io nell’ombra
tentavo di salvarmi con un foglio e una penna in mano
per sentimenti in bianco e nero
- confusi e smarriti tra tutti quei colori -
che implacabili segnavano i confini
dei giorni e dell’anima.

giovedì 23 aprile 2009

Safari

La notte ha mille porte
e nella testa c'è una città intera
che soffia e che respira
che soffre e che ti attira
sempre più dentro
sempre più al centro
sempre più in mezzo fino a che non lo distingui più il confine
tra la tua pelle e il cielo
tra quello che è a pezzi è quello che è intero
la notte ha mille occhi
credi di guardare e sei guardato
sono tempi "rock'n roll"
che si resta senza fiato
cadono i record alle olimpiadi
tutto si supera in un secondo
e in ogni mondo c'è dentro un mondo
che ha dentro un mondo che ha dentro un mondo
ci sono armi nei supermercati

e mettono i "beep" nei vaffanculo
ci dicono continuamente che nessuno è al sicuro
ma questo lo sapevo già
e non è mai stata una buona scusa
per barricarmi dentro casa
la tele accessa e la porta chiusa
safari

dentro la mia testa
ci sono più bestie che nella foresta

la terra vista dallo spazio è una palla
azzurra e silenziosa
ma se ci vivi ti rendi conto che è tutta un'altra cosa
niente combacia ci sono crepe
e dalle crepe passa un po' di luce
che si espande nell'universo
prendi tutto quello che ti piace
ho" diamanti sotto ai miei piedi"
ho un oceano dentro alle vene
ognuno danza col suo demone
e ogni storia finisce bene

Safari
dentro la mia testa
ci sono più bestie che nella foresta

fuoco
acqua
elettricità

le scimmie saltano di ramo in ramo
assaggio la notte,
la notte che passa più svelta
su lente lenzuola di corpi
sudati si chiudono gli occhi
si spegne l'insegna dell'ultima vita di luce
rubate si finge il silenzio perfetto
l'esterno ti sembra di pace
la notte d'estate
intanto il ruomore nel buio dell'anima mia
che corre a gambe levate
sbattendo con forza
su muri di pelle e di ossa
un paio di ali al vento
un paio di ali al vento... al vento ...

(Jovanotti+Negramaro)

lunedì 20 aprile 2009

Ars vivendi

"Per vivere con onore bisogna struggersi, turbarsi, battersi, sbagliare, ricominciare da capo e buttar via tutto, e di nuovo ricominciare a lottare e perdere eternamente. La calma è una vigliaccheria dell'anima."

Lev Nikolaevič Tolstoj

venerdì 10 aprile 2009

Che cosa sa l'uomo su se stesso?

"Che cosa sa l'uomo su se stesso? Forse che la natura non gli nasconde quasi tutto, persino riguardo al suo corpo, per confinarlo e racchiuderlo in un'orgogliosa e fantasmagorica coscienza, lontano dall'intreccio delle sue viscere, dal rapido flusso del suo sangue, dai complicati fremiti delle sue fibre? La natura ha gettato via la chiave, e guai alla fatale curiosità che una volta riesca a guardare attraverso una fessura dalla cella della coscienza, in fuori e in basso, e che un giorno abbia il presentimento che l'uomo sta sospeso nei suoi sogni su qualcosa di spietato, avido, insaziabile e, per così dire, sul dorso di una tigre. In una tale costellazione, da quale parte del mondo sorgerà mai l'impulso verso la verità?"

F.Nietzsche

giovedì 2 aprile 2009

Le affinità elettive (Johann Wolfgang von Goethe - 1809)

Abbiamo commesso una pazzia: ora lo vedo fin troppo bene. Chi, giunto ad una certa età, vuole realizzare sogni e speranze di gioventù, si inganna sempre, giacché nell'uomo ogni dieci anni cambia il concetto delle felicità, cambiano le speranze e le prospettive. Guai a colui che, dalle circostanze o dall'illusione, viene indotto ad aggrapparsi al futuro o al passato! Abbiamo commesso una pazzia. Dovremmo, per una sorta di scrupolo, rinunciare a ciò che i costumi del nostro tempo non ci vietano? In quante cose l'uomo ritorna sui suoi propositi, sulle sue azioni, e non dovrebbe farlo qui, dov'è in gioco tutto e non un dettaglio, dove si tratta non di questa o di quella condizione di vita, bensì della vita in tutto il suo complesso?

domenica 22 marzo 2009

Interludio

Confusione è parola inventata per indicare un ordine che non si capisce. Mi piace indugiare su questo periodo in cui le cose prendevano forma, perchè l'ordine, a comprenderlo, dev'essere stato abbacinante.

Henry Miller - Tropico del Capricorno

sabato 21 marzo 2009

Nota di demerito (scherzo in forma di dialogo)

Ormai vecchi, il Principe e l’Arcangelo che lo sconfisse si ritrovano a parlare dell’antica battaglia e della caduta agli Inferi di Lucifero:


ARCANGELO:
Ricorda il nome antico
nemico mio.
Quasi come Dio splendevi
oltre le nubi che qui t’avvolgono
mentre soffochi d’orgoglio
appeso al bordo dell’eterna scommessa.
Ricorda il tuo nome
e l’originaria fratellanza
per me che ti amavo
e chiusi il passo
alla tua ignobile speranza.

LUCIFERO:
Nutro un odio capovolto.
Di chi è stato il tradimento?
Mio, o di chi nascose il volto
preferendomi al tormento
di un pesante fallimento?


ARCANGELO:
Ricorda il nome antico
nemico mio
e la battaglia che ci divise.
Per sempre in campi avversi:
l’Angelo Disperso
e la sua ombra
che non è tenebra
ma abbraccio e pace
e, un giorno, per te
la luce.


LUCIFERO:
Di te con me
una parte allora cadde
nel tuo precipitarmi muto
senza che una sola parola
varcasse il confine del giardino
- delizia mortale -
schianto definitivo
privo di compassione
era il tuo sguardo di fiamma
in cui io lessi l’eterna condanna.
Quale perdono invocare
se non aspettare il tuo ritorno...
Come tu dici.
Sarà la luce un giorno
la morte dell’inganno
ripareremo, un giorno
a questo antico danno
ma entrambi lo sappiamo
che poi sarà la fine
saremo risucchiati da viscere divine.



ARCANGELO:
La fine è il nostro premio
perché non lo comprendi?
La fine della guerra
di inutili tormenti
riposeremo insieme
vincitori e vinti
liberi da divise
desideri e istinti...


LUCIFERO:
Lo feci per la Vita
ché le sono necessario.
Qual senso ci sarebbe
senza un Avversario
a ridere, sperare e
in fondo, anche amare
se non ci fosse morte
dolore e debolezza
sapresti ritrovare
le tracce di grandezza
in questo mondo immemore
d’ataviche battaglie
per luoghi chiusi all’anima
dai ponti per il cielo
luoghi d’un altrove andato
celato nel suo velo.
E noi e i nostri eserciti
non serviremmo alcuno
né tu l’immenso Spirito
né io l’astuto Nulla.

ARCANGELO:
“Non serviam”
così hai detto
e tale è il tuo peccato.
L’aver scordato il nome
che un tempo ti fu dato:
Lucifero, la folgore
che irrompe nella notte
la sacra luce limpida
al centro della fronte
per chi nel buio affonda
per la creatura nuda
fu dato a te quel nome
che adesso fa paura.
Ritorna alla tua essenza
riscopri la potenza
che ancora in te è presente
ricerca la scintilla
non ti piegare al Nulla.
Bellissimo Diamante
sorgi dal nero abisso
lasciati dietro l’odio
l’angoscia del tuo gesto.
Non sono te a combattere
ma questa larva oscura
che imbriglia la tua mente
un tempo così pura.
La gemma in una coppa
da allora io conservo
la pietra a te strappata
perché non fosti servo
del compito più saggio,
dare le ali all’Uomo
e sciogliere il miraggio
di un’esistenza futile
macchiata dalla morte
divisa dallo spirito
schiacciata dalla sorte.


LUCIFERO:
Inganno chi mi chiama
chi fa della sua brama
inganno ben peggiore
e non si vede attore
su questo vecchio palco
calcato da millenni
chi non accetta il viaggio
e scambia il suo passaggio
per attimi perenni.
Ma può l’uomo, se vuole
fissare a lungo il sole?
Saprà fermare l’occhio
piegare il suo ginocchio
di fronte a tanta luce
...o invece invocherà
la tenebra infinita
a prezzo della vita
per l’arido potere
che qui già può godere?
Sperare in un futuro
che resta così oscuro
non è un errore, forse...
Ma certo qui non paga
e tu, splendente Angelo
sei forma troppo vaga
ai sensi della mente.
Ma io che lo governo
conosco questo mondo
poiché ne sono il perno
infisso nel profondo.
La Legge che gli diedi
è quella del Mercato:
se hai di più vorrai
finché non sei svuotato
e inutile per tutti
verrai sostituito
venduto e poi annientato
da me e dai tuoi simili
che sempre t’han mentito.


ARCANGELO:
Astuta è la tua immagine
ma vuota nel suo interno
così come il potere
sul freddo e chiaro inferno
su questa tua voragine
di odio e sofferenza
che trema se soltanto
risorge una coscienza.

E a quanti di voi ascoltano:
sognate con coraggio
sì che il Nemico antico
recuperi il suo Raggio
e che la terra veda
la morte del serpente
se vi si specchia il volto
d’un Angelo splendente.

sabato 7 marzo 2009

Nessun titolo

Senti la tua
candida pelle
leggera, imbelle
legata a tante
aride carezze,
pura e imbrattata,
sola e battuta
e tu lì
a girare nella stanza
come una suola
nella notte solitaria
con l'aria di coloro
che non sanno
ma amano
e amano il danno
l'affanno dei giorni solitari
- hei, amico, che ti pare? -
Tu sei sempre là
dove appare
l'anima di un qualunque mito
trito e ritrito
il giogo, il luogo, il rogo
Fai, vai a fondo
non ti fermare
guarda quanto è profondo il tuo cadere
e risalire. Lei giace
e tu sei debole
lecito il battito e piccolo
il lascito.
Uomo, nuota e bevi
ma non smettere
di respirare

mercoledì 4 marzo 2009

Il giorno dopo la felicità

Dovevo pure io scendere dalla cima della felicità. Non me l'immaginavo così avventurosa. Anna era stata una tempesta e io desideravo che non la smettesse. Non volevo il ritorno al sereno. Che me ne facevo del riparo da lei? Se n'era andata, era passata oltre a scaricare la sua energia violenta. Il giorno dopo la felicità ero un alpinista che sbandava in discesa.

Erri De Luca, Il giorno prima della felicità

lunedì 2 marzo 2009

Conditum paradoxum

Conditi paradoxi compositio: mellis p. xv in aeneum uas mittuntur, praemissis uini sextariis duobus, ut in coctura mellis uinum decoquas. Quod igni lento et aridis lignis calefactum, commotum ferula dum coquitur, si efferuere coeperit, uini rore conpescitur, praeter quod subtracto igni in se redit. Cum perfrixerit, rursus accenditur. Hoc secundo ac tertio fiet, ac tum demum remotum a foco postridie despumatur. Tum piperis uncias quattuor iam triti, masticis scripulos III, folii et croci dragmae singulae, dactilorum ossibus torridis quinque, isdemque dactilis uino mollitis, intercedente prius suffusione uini de suo modo ac numero, ut tritura lenis habeatur. His omnibus paratis supermittis uini lenis sextaria xviii. Carbones perfecto aderunt (duo milia).

Ricetta del vino meraviglioso speziato: si mettono 15 libbre di miele nel vaso di bronzo, dove precedentemente sono stati versati 2 sestari di vino di modo che il vino si riduca durante la cottura del miele. Si fa scaldare su un fuoco dolce di legna ben secca e durante la cottura si mescola con un bastoncino; se ricomincia a bollire si rompe la bollitura con una spruzzata di vino, ma il liquido cessa di bollire anche quando lo si toglie dal fuoco. Quando si è raffreddato lo si rimette sul fuoco, si procede così per due o tre volte. Alla fine lo si toglie dal fuoco e lo si schiuma il giorno successivo. Allora si aggiungono 4 once di pepe tritato, 3 scrupoli di mastice, 1 dracma di foglie di nardo e 1 di zafferano, 5 noccioli tostati di datteri e i datteri ammollati nel vino; s'innaffia dapprima con vino di qualità e in quantità sufficiente affinchè l'impasto risulti dolce. Compiuta questa operazione, si versi sul tutto 18 sestari di vino dolce; si metteranno poi nel composto ottenuto i carboni ardenti (2000).

Apicio, De re coquinaria (L'arte culinaria)

venerdì 20 febbraio 2009

Vita umana

Ritorna e nasce/esce alla luce/scende vorace/ma non conosce/ e non ricorda da dove sgorga/gorgoglia e ride/ deve nutrire l'involucro caldo/dorme e riprende solo/a morire.

lunedì 9 febbraio 2009

Sapienza

Il nostro amore giace sull'assenza.
È un amore antico
l'asse del mondo
l'ultima frontiera.

Il nostro amore vive d’esperienza.
È un amore nuovo
lo spazio vuoto
l’immobile esistenza.

Ma poi risento la mia vita
di nuovo prender forma
e scopro che non è finita.

Il nostro amore vive d’esperienza.
È un amore nuovo
lo spazio vuoto
l’immobile esistenza.



lunedì 2 febbraio 2009

Amor platonico

La favilla nella cenere
La luminosa notte dal lento incedere
Il mio doppio riflesso
Celato nel mio sesso

Non cerco comprensione
ma diletto

giovedì 15 gennaio 2009

Strade nella neve

L'ape Maia e la morte

Ebbene sì, l'Ape Maia sa cos'è la morte e ne scongiura il nefasto sopraggiungere correndo con l'amico Willi su campi innevati e stagni ghiacciati. L'inverno è al massimo, tutti gli insetti muoiono e il "Becchino" aspetta che si offrano spontaneamente ricettacoli per le sue uova. Ma Maia e Willi si svegliano insieme, intirizziti, e proprio grazie al "Becchino" scoprono che per sopravvivere basta correre, tenersi caldi. Il "Becchino" è l'insetto migliore di tutta la storiella: è puntuale, è generoso, dice sempre la verità ("uh, questo è proprio conciato male" - dice al coleottero moribondo) e sa aspettare..."E' proprio così - dice - io aspetto che lui muoia ma non ho nessuna intenzione di fargli del male... Noi non uccidiamo gli altri animali."
Beh...che ve ne pare?

lunedì 5 gennaio 2009

La felicità dei figli

E' un luogo comune. E' un desiderio comune. E' il sistema più comune per fare la loro infelicità. Io non so se mio figlio sarà capace di essere felice. Io posso solo fargli vedere se io sono felice o infelice. Io sono felice, adesso? No. Ecco. Allora anche lui lo è un po' di meno.